Costas Mimikos è pronto per la sfida italiana

Evrytos Volou, Kentavros Agrias, Aris Nikaia in prestito dall’Olympiakos Piraeus e gli ultimi due anni di Anorthosis Famagusta sono stati pietre miliari della carriera.Anche il 25enne giocatore di pallavolo Costa Mimikou, che ha iniziato la sua carriera all’estero negli ultimi due anni, ha vinto lo stesso numero di doppie come la squadra Cipro e ne fanno un grande corso europeo nella Coppa dei Campioni EHF.

Intervista a CHRISTOS TANASOULIS

Tuttavia, per un’altezza di 1,98 Voliotis, la sua carriera internazionale continuerà in Italia, mentre si chiude a Bressanone, come ha rivelato in un’intervista rilasciata a UFFICIO POSTALE. La nostra conversazione in dettaglio:

Costa, al tuo secondo anno a Cipro, la tua squadra ha fatto di nuovo il doppio. Come hai vissuto questi due anni di fatica e come ti senti?

“Quello che abbiamo ottenuto con l’Anorthosis per il secondo anno consecutivo è stato molto difficile, perché non solo abbiamo fatto il doppio, ma siamo riusciti a farcela imbattuti in entrambi gli anni. È difficile non solo salire in cima, ma anche restarci! Lavoriamo molto dentro e fuori dal campo, perché le squadre si costruiscono

dentro e fuori dal campo. Provo grande gioia e giustificazione che ciò sia stato raggiunto, poiché tutto il nostro lavoro è apprezzato”.

Pensi che sia giustificata anche la tua scelta di indossare la maglia dell’Anorthosis? Cosa pensi abbia contribuito alla conquista di due stagioni di campionato e coppa a Cipro?

“Era la nostra unica preoccupazione in quel momento. L’Anorthosis è uno dei più grandi club di Cipro e l’ho sperimentato dalla prima volta che sono stato sulla terraferma…

La squadra lavora in un contesto professionale, difficile per lo sport della pallamano, soprattutto a Cipro, e di questo sono “responsabili” il presidente della squadra, Andreas Andreou, e l’intera amministrazione.

Considero il mio contributo alla vittoria raddoppia come tutti i bambini,

perché lo sport è uno sport di squadra e tutti ne hanno bisogno per realizzarlo,

anche quelli che non reagiscono”.

Allo stesso tempo, con Anorthosis partecipi alle partite europee e con grande successo per la tua squadra. Com’è stata l’esperienza?

“Quello che abbiamo vissuto con Anorthosis in Europa negli ultimi due anni è indescrivibile. Inoltre, l’anno scorso abbiamo raggiunto i corsi che abbiamo fatto

Le semifinali europee non si sono mai svolte a Cipro. L’APOEL ha ottenuto qualcosa di simile nel calcio raggiungendo i quarti di finale.

Ricorderò la vittoria in Turchia contro il Beykoz. Al fischio finale ho visto i miei compagni di squadra ciprioti piangere di gioia ed emozione. Abbiamo tutti tremato e festeggiato come bambini piccoli. In quel momento ho capito l’importanza della partita contro la squadra turca. Non cambierei questa esperienza con nulla e sono felice di aver raggiunto una squadra così alta in Europa”.

Da quando hai giocato con Evrytos Volou e Centaur Agrias, fino ad oggi, quanto pensi di essere cambiato come giocatore?

“Da quando ho iniziato con Evrytos e Kentavros Agrias, sono salito a molti livelli come giocatore, soprattutto negli ultimi due anni all’Anorthosis.

C’è ancora spazio per migliorare, per questo non mi riposo e continuo a lavorare tutti i giorni. Il mio obiettivo è migliorare ogni anno”.

Facendo una critica a te stesso, cosa diresti dei tuoi punti di forza come giocatore e cosa vorresti sviluppare ulteriormente, per migliorarli?

“La mia forza è sicuramente la mia abilità e la mia forza fisica. Questa è la mia base e lassù con tanto allenamento costruisco sul resto. Voglio sicuramente aumentare la mia velocità unita alla mia forza oltre che alla mia efficienza in attacco. Io non riposarmi e non fare aspre critiche a me stesso.” poi me stesso

di ogni partita, perché solo così posso migliorare”.

Chi pensi abbia giocato i ruoli più importanti nella tua carriera finora?

“Prima di tutto la mia famiglia, che mi sostiene e mi incoraggia. Ovviamente tutti gli allenatori con cui ho lavorato hanno giocato un ruolo importante nella mia carriera dal mio inizio all’Evrytos fino ad oggi all’Anorthosis. Le persone che hanno giocato il ruolo più importante e Voglio ringraziarli per questo Giannis Tapasil mio allenatore al Centaur Agrias, quando mi ha aiutato a fare quel primo grande passo e competere in prima divisione, e Giorgio Zaravinasil mio allenatore all’Anorthosis negli ultimi due anni e uno dei migliori allenatori in Grecia, che mi ha aiutato a cambiare il mio livello di giocatore”.

Un buon “nemico” è il migliore, come si suol dire. Quali sono i tuoi programmi per la nuova stagione?

“Questo è il mio prossimo passo e il nuovo anno mi vedrà gareggiare nel campionato italiano con la squadra di Bressanone. Questo è un campionato competitivo e difficile. “Sono pronto per una nuova sfida nella mia carriera e farò di tutto affinché la squadra raggiunga i suoi obiettivi”.

I giocatori di pallamano Volioti sperimentano il sovraffollamento a Cipro

Seguilo
UFFICIO POSTALE
su GOOGLE NEWS per informazioni immediate.

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.