Cosa accadde nel 1816 quando nevicava nei mesi estivi

Il cambio delle quattro stagioni nel tempo è un processo naturale necessario e allo stesso tempo aiuta nel suo regolare funzionamento pianeta. Tuttavia, nel 1816 il pianeta Terra non ha mai vissuto l’estate, poiché a giugno ha nevicato e una forte tempesta ha “bagnato” l’Europa e i suoi dintorni.

La causa di questo fenomeno senza precedenti era eruzioni vulcaniche “Taborah” dentro Indonesia, il 10 aprile 1816 e le disastrose conseguenze che ne seguirono. Il paese è in primavera secondo il calendario, ma dopo l’eruzione la temperatura scende bruscamente. Va notato che è stata anche la più grande esplosione in 1.630 anni in questo momento, che ha causato la morte di 70mila persone.

Europa e Nord America

Le aree più colpite sono i paesi europei e nordamericani. A causa delle nevicate e del gelo totale nei mesi estivi, i raccolti furono distrutti e gli agricoltori macellarono i loro animali perché non avevano cibo da dare.

Seguirono epidemie di carestia ed epidemie di colera.

Il vulcano smise di ruggire il 15 luglio 1816, la sua cenere si era diffusa per 1.300 chilometri. Il fumo è rimasto denso sopra la vetta fino al 23 agosto di quell’anno e nei quattro anni successivi si sono verificate piccole eruzioni.

Conseguenza

In Irlanda, nel periodo maggio-settembre di 153 giorni, 142 sono state piogge abbondanti. Nel Regno Unito la temperatura media è stata di 13,4 gradi, stabilendo il record per la terza estate più fredda.

Secondo i dati, in Francia e Austria 200.000 persone sono morte per fame e per epidemie di colera e tifo.

Il 4 giugno c’era gelo nel Connecticut e l’8 giugno ha nevicato a New York.

Il 23 agosto tutte le città sono state congelate, una per una, con l’interruzione dei trasporti, la legna da ardere e le scorte di cibo prosciugate.

La diffusione delle ceneri vulcaniche è così ampia che la neve in Ungheria è marrone e in Italia è rossa.

L’anno prossimo

L’estate dell’anno successivo rimase difficile, con temperature ancora molto rigide e gli effetti dell’eruzione che colpiscono ancora molte parti del pianeta.

Settimio Lombardi

"Esperto del cibo. Specialista della cultura pop. Fanatico della birra. Introverso. Incline agli attacchi di apatia. Appassionato del web certificato."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.