Coronaios: Revoca della maggior parte delle misure in Italia – Cessazione dei certificati di vaccinazione

L’Italia ha notevolmente allentato le sue misure protettive e preventive per il coronavirus.

Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha confermato che il suo governo ha accettato un sostanziale allentamento delle misure contro la pandemia.

Come riportato in precedenza da APE-MPE, a partire dal 1° aprile i certificati di vaccinazione non saranno più richiesti all’aperto, mentre dal 1° maggio non sarà più richiesto nemmeno all’interno.

“La campagna vaccinale italiana è una delle più importanti al mondo. “L’89,6% della nostra popolazione ha ricevuto la seconda dose del vaccino contro il coronavirus e più di 380.000 persone hanno ricevuto la terza dose”, ha affermato il ministro della Salute italiano Roberto Speranza.

Contestualmente, in merito alla quarta dose del vaccino, Speranza ha aggiunto che in questo momento non si è deciso di somministrarla all’intera popolazione, ma solo alle persone immunocompromesse ed, eventualmente, agli anziani.

Si conferma inoltre che il Comitato Malattie Infettive, che finora ha consigliato il governo di Roma, chiuderà a fine mese.

Entro la fine dell’anno ci sarà un’unità operativa per la gestione delle vaccinazioni e delle altre necessità.

Fonte: -ΜΠΕ

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.