Com’era la vita per i romani al culmine dell’antica Roma

L’antica Roma raggiunse il suo apice dal II secolo aC al II secolo dC. Nel primo e nel secondo secolo della nuova era, Roma beneficiò dell’espansione del suo impero, con grandi ricchezze e diverse influenze culturali che inondarono i suoi confini.


Com’era l’antica Roma?


C’è un po’ di tutto dentro. È un vivace centro cittadino, pieno di gente, i politici si incontrano per le sue strade, negli edifici pubblici e in occasione di eventi sportivi. La vita nell’antica Roma era piena di fermento, con molte opportunità di intrattenimento e spettacolo, che contribuivano all’atmosfera cosmopolita che regnava nella città.


Tuttavia, la vita nell’antica Roma non era priva di sfide. La vita di un cittadino romano dipendeva dal suo status sociale ed economico. La povertà è solo uno dei problemi che ha spinto il governo a regolamentare le difficili condizioni della città, dove ha avuto un discreto successo.


La vita nell’antica Roma era simile alla vita in qualsiasi grande città, piena di alti e bassi, dove i momenti noiosi erano rari.


Densità

Già nel VI secolo aC Roma iniziò un censimento, per stimare il numero dei cittadini e determinare quali fossero i loro bisogni. Gli storici hanno dibattuto sull’accuratezza dei dati raccolti dai romani conservando i registri della loro popolazione. Si ritiene che Roma avesse centinaia di migliaia di abitanti durante il I secolo aC, forse fino a 800.000 durante il regno di Augusto (dal 27 aC al 14 dC). La popolazione della città continuò a crescere, interessando fino a un milione di abitanti durante il II secolo d.C. La popolazione è composta da un gruppo di uomini e donne liberi di vari gradi di ricchezza. Il gran numero di schiavi contribuì all’aumento della folla a Roma, dove lo spazio diventava sempre più limitato.


Costruendo insula, o edifici residenziali, i romani rispondevano all’esigenza di ospitare un gran numero di persone. Le insulae erano alte diversi piani, mal costruite e ospitavano romani sia poveri che moderatamente ricchi. C’è un grande pericolo di incendio e la diffusione di malattie infettive in esso.


Vestiti lavati con l’urina


Molti romani non facevano il bucato in proprio, ma utilizzavano principalmente i servizi forniti dalla città. Senza l’uso del sapone, la lavandaia si occupava di pulire i vestiti di lino e lana, per liberarli da sudore e sporco. Il modo migliore per raggiungere questo obiettivo è utilizzare l’urina, spesso raccolta da vasi trovati per le strade dell’antica Roma.


Un’alternativa all’urina umana è l’urina animale, che contiene entrambe ammoniaca, un detergente ideale.


I vestiti vengono posti in un barile con acqua e urina, dove il riempitivo calpesterà i vestiti. Fino alla fine del I secolo d.C. l’urina era un bene così prezioso che l’imperatore Vespasiano (69-79 d.C.) impose una tassa sull’urina raccolta in pubblico.


Secondo lo storico romano Svetonio, “Quando Tito (figlio di Vespasiano) lo rimproverò per aver imposto una tassa sulle strutture pubbliche, si mise sotto il naso il denaro del primo pagamento di suo figlio, chiedendo se l’odore lo offendesse. Tito disse ‘No. È proveniva dall’urina’. ”


Bagno pubblico


Tutti, dagli schiavi agli imperatori romani, hanno visitato i bagni pubblici della città. Denominate sorgenti termali nel I secolo aC, le terme pubbliche comprendevano stanze calde e fredde con piscine, bagni turchi e stanze riscaldate a secco dove le persone potevano mantenere l’igiene personale, condurre transazioni commerciali e socializzare.


Uomini e donne usarono gli stessi bagni fino a quando non fu proibito dall’imperatore Adriano (dal 117 al 138 d.C.) durante il II secolo d.C.


Il numero delle terme a Roma aumentò dal I secolo aC al V secolo dC. Anche i bagni sono diventati più lussuosi e dotati di funzionalità aggiuntive, come le fontane.


Imperatori come Traiano, Caracalla e Diocleziano costruirono a Roma terme pubbliche che potevano essere utilizzate da migliaia di romani contemporaneamente. Il più grande edificio di questo tipo fu costruito da Diocleziano (dal 284 al 305 d.C.). Si compone di un ampio basamento, il soffitto è sostenuto da pilastri in granito e le pareti sono rivestite di marmo.


Divertimento nell’antica Roma


Ci sono molti modi per trascorrere il tempo libero nella capitale dell’Impero Romano. I combattimenti dei gladiatori si svolgevano in anfiteatri come il Colosseo, che offriva ai cittadini intrattenimenti crudeli e cruenti, offrendo una via di fuga dagli obblighi che li attendevano nella vita di tutti i giorni.


Ci sono anche teatri di varie dimensioni a Roma. I sedili di questi teatri erano disposti in fila e talvolta erano scolpiti nelle colline. Il primo teatro permanente di Roma fu costruito da Pompeo nel I secolo d.C.


Che l’intrattenimento fosse un segmento importante della vita degli antichi romani è evidenziato dalle parole di Giovenale, un satirico romano, il quale sosteneva che i romani si preoccupassero solo di “pane e giochi”.

Seguici su di noi Facebook io Instagram pagina e Indonesia Account.

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.