Cinque enigmi che il prossimo leader deve risolvere per “rallegrare” le sue cupe prospettive

Negli ultimi 30 anni, i leader politici hanno lottato per gestire i giganteschi prestiti dell’Italia – Più recentemente, le misure del governo per proteggere l’economia dalla pandemia hanno portato il rapporto debito/PIL a livelli visti per l’ultima volta dalla prima guerra mondiale.

Indebitamento elevato, shock inflazionistici, crescita debole, invecchiamento della popolazione e disuguaglianza persistente tra Nord e Sud rende cupe le prospettive del prossimo giorno per il nuovo governo italiano, osserva il Bloomberg, che potrebbe vedere una coalizione di centro-destra guidata dal capo dei “Fratelli d’Italia” Georgia Meloni prendere il controllo del paese poiché i sondaggi mostrano che la sua alleanza ha il maggior sostegno.
Il blocco, che comprende la Lega anti-immigrazione di Matteo Salvini e Forza Italia dell’ex premier Silvio Berlusconi, è impegnato a mantenere l’economia in carreggiata e le finanze pubbliche sane.
Dichiarazioni di maggiore intervento statale e una storia di sfida all’UE da parte di membri della coalizione come Salvini hanno innervosito gli investitori.
Ecco una rappresentazione grafica dell’economia che sarà ereditata dai nuovi vertici d’Italia.
Negli ultimi 30 anni, i leader politici hanno lottato per gestire l’enorme debito dell’Italia. Più recentemente, le misure del governo per proteggere l’economia dalla pandemia hanno portato il rapporto debito/PIL vicino ai livelli visti l’ultima volta dopo la prima guerra mondiale.

Il presidente del Consiglio Mario Draghi è riuscito a farla crollare, aiutato dall’inflazione e da una ripresa economica migliore del previsto.

Ogni successore deve affrontare la sfida di mantenere questa traiettoria del debito mentre la crisi energetica innescata dall’invasione russa dell’Ucraina si intensifica.
Il modo migliore per affrontare il debito è attraverso la crescita, ma a questo punto l’Italia è davvero in difficoltà.
QUELLO turista Il supporto post-pandemia e dell’UE ha recentemente aiutato l’economia a sovraperformare altri importanti paesi della zona euro, ma è improbabile che questo slancio duri.
QUELLO inflazione – attualmente all’8,4% – è anche un problema. Nonostante l’erosione del debito, è costata alle finanze dei comuni italiani, alimentando il malcontento sfruttato dai politici di centrodestra. Un aumento dei tassi di interesse per controllare i prezzi al consumo aumenterà anche gli oneri finanziari del governo.

La diminuzione della popolazione del paese si aggiunge alle sfide dello sviluppo.

Le Nazioni Unite prevedono che il numero degli italiani scenderà a circa 37 milioni entro il 2100 dai quasi 60 milioni di oggi. Potrebbe essere peggio senza l’immigrazione, che il candidato di centrodestra vuole frenare.
Le questioni demografiche sono un’altra pressione sulle finanze pubbliche.
L’invecchiamento della popolazione significa che un numero inferiore di giovani lavoratori sostiene il pensionamento rispetto a un numero maggiore di pensionati.
In definitiva “le persone dovranno lavorare fino alla fine della loro vita e sarà necessaria una maggiore produttività con investimenti nell’innovazione e in altre aree”, ha affermato venerdì il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco.

Un problema strutturale persistente è la disparità economica del Paese, che innesca tensioni politiche e fiscali.

Il Nord, in particolare la Lombardia intorno a Milano, produce costantemente la quota maggiore della produzione, mentre il Sud fa affidamento sul sostegno finanziario.
L’aumento della spesa del Fondo per la ripresa dell’UE mira a colmare questa disparità. L’Italia è stata il principale beneficiario, con quasi 200 miliardi di euro (202 miliardi di dollari) in entrata. Circa il 40% del denaro è destinato a rilanciare l’economia del Sud, principalmente per infrastrutture, salute, istruzione, progetti verdi e digitali. Il mancato rispetto delle scadenze pertinenti può impedire maggiori opportunità di rinnovo.

www.bankingnews.gr

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.