Campagne elettorali in Italia: Perché la democrazia ha bisogno di procedure democratiche – Politica

La campagna elettorale di breve durata in Italia è iniziata, in un caldo record e poco prima del tradizionale stallo dell’anno italiano, Ferragosto il 15 agosto. Tutte le ruote sono normalmente ferme, ma la campagna inizia molto rumorosamente e promette eccitazione a prima vista.

[Wenn Sie aktuelle Nachrichten aus Berlin, Deutschland und der Welt live auf Ihr Handy haben wollen, empfehlen wir Ihnen unsere App, die Sie hier für Apple- und Android-Geräte herunterladen können.]

Chi è in coalizione con chi, chi non lo è affatto, chi potrebbe rompere un accordo vecchio solo di pochi giorni? Il fatto che ciò sia dovuto principalmente alla legge elettorale del 2017, che ha praticamente obbligato l’alleanza anche prima delle elezioni. A causa del necessario accordo sui candidati costituenti, il capo e il partito sono costretti insieme, che spesso non ha altro in comune che l’immagine del loro nemico, ovvero l’alleanza contraria. E, ovviamente, è comprensibile la volontà di occupare altrettanti seggi nel DPR.

“Tesoro”, “pervertito”, sì “vergognoso”: La cosiddetta “Rosatellum” del 2017 è davvero una legge elettorale impopolare. Tuttavia, nessuno degli ultimi tre governi legislativi lo ha cambiato. Tuttavia, in questa campagna di mezza estate, la giacca contenitiva si è rivelata con veemenza antidemocratica.

Mentre la destra sempre più militante e antifascista parteciperà alle elezioni il 25 settembre, quello che una volta era conosciuto come il centrosinistra non è solo diviso: l'”anti-destra”, come lo chiamano più commenti. , né offre l’alternativa corretta.

Il Partito Democratico (PD), che si considera un socialdemocratico, ha stretto un’alleanza elettorale con la propria spaccatura di destra, il partito minore dell’ex leader del Pd Renzi e altri ex partiti socialdemocratici. E unisciti anche a loro in modo programmatico.

La socialdemocrazia converge attorno al programma della banca centrale

La parola chiave qui è “Agenda Draghi”, la vaga base dell’annuncio fatto dal presidente del Consiglio caduto nel suo discorso finale al Senato. Il leader del PD Enrico Letta era in ritardo nella campagna per i piccoli Verdi italiani e “Sinistra Italiana” (“La sinistra italiana”). Sono riluttanti a unirsi a lui e al suo centro questo fine settimana.

Il Movimento Cinque Stelle, tra tutte le cose, su cui le masse di elettori di sinistra hanno scommesso alle elezioni di cinque anni fa, è completamente abbandonato. Motivo? “Assolutamente no con quelli che hanno rovesciato Draghi!” è stato per settimane il grido di guerra dei non-giusti.

Ciò che è preoccupante è che i socialdemocratici se ne siano andati? – Il partito non ha scritto un proprio programma, ma ne ha copiato uno, di tutte le cose dell’ex banchiere centrale Draghi. Significa anche distruggere il grande successo di welfare state di questa legislatura: il reddito di cittadinanza. “Reddito di cittadinanza” è un progetto a cinque stelle. Draghi vuole la sua revisione, molti temono la fine di questo strumento efficacissimo per combattere la crescente povertà.

Le leggi elettorali hanno spinto la sinistra ad aprirsi sempre più a destra nella corsa ai voti. Risultato: Il welfare state, l’ambiente, le politiche contro la disuguaglianza non sono più sulla scheda elettorale. Dove non c’è alternativa, la democrazia stessa è minata. E’ nel Paese fondatore dell’Unione Europea – dove in ottobre il primo presidente del Consiglio antifascista, Georgia Meloni dei “Fratelli d’Italia”, ha potuto celebrare i 100 anni della “Marcia su Roma” di Mussolini.

Basilio Montalto

"Appassionato di cibo. Appassionato di birra. Ninja di Internet. Praticante di musica. Appassionato guru di Twitter. Scrittore per tutta la vita. Baconaholic."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.