Calore e incendi nel sud Europa – mezza estate in Germania – politica

Mentre parti dell’Europa meridionale soffrono di incendi boschivi, siccità e caldo fino a 44 gradi, in Germania si registrano temperature estive record. Tuttavia, il ministro dell’Ambiente ha sollecitato i preparativi.

Caldo estremo e persistente in Spagna e Portogallo, siccità devastante in Italia, incendi intensi nel sud della Francia: mercoledì invece la situazione in Germania è stata più distesa con una temperatura massima di 34 gradi in piena estate. Alla luce delle notizie di una possibile nuova ondata di caldo, il servizio meteorologico tedesco (DWD) ha avvertito di disordini nel paese.

La Spagna in particolare è attualmente colpita dal caldo torrido. Avrebbe dovuto fare molto caldo mercoledì con temperature fino a 44 gradi in Andalusia nel sud e in Estremadura nell’ovest del Paese. Insieme a settimane di siccità e forti venti, il caldo favorisce focolai e propagazioni incendi boschivi. I peggiori incendi fino ad oggi continuano a bruciare nella comunità di Las Hurdes vicino al confine con il Portogallo.

Nel vicino Portogallo, vigili del fuoco e protezione civile estingue anche gli incendi boschivi a volte superiori ai 40 gradi, soprattutto nella parte centrale del Paese. Più a nord-est, secondo la prefettura della Gironda, i servizi di emergenza sulla costa atlantica francese hanno trasportato 6.000 persone al sicuro dall’esplosione del fuoco. Mercoledì mattina, cinque campeggi vicino a Teste-de-Buch, a sud della città di Bordeaux, sono stati evacuati per precauzione. Nella zona è prevista una temperatura di 37 gradi.

Incendi boschivi sull’isola di Samos

Mercoledì è scoppiato un incendio sull’isola greca di Samo, che non è stato possibile contenere nel pomeriggio. Per giovedì, i vigili del fuoco hanno emesso il secondo livello di allerta più alto per diverse isole dell’Egeo orientale, ma anche per la regione dell’Attica intorno ad Atene e le isole maggiori Eubea e Creta. C’è un “rischio molto alto di incendi boschivi”, ha detto. Il giorno prima, in 24 ore erano stati registrati 35 incendi in tutto il paese.

Due persone sono morte nello schianto dell’elicottero dei vigili del fuoco. Un’altra persona è stata salvata poco dopo l’incidente. Nella tarda notte di mercoledì si è scoperto che anche il quarto detenuto era ancora vivo. L’uomo ha nuotato a riva ed è stato trovato lì, ha detto in serata la guardia costiera greca.

Leggi anche

tempo atmosferico

L’Europa sotto l’incantesimo di una nuova ondata di caldo

L’elicottero è stato utilizzato per estinguere un grande incendio boschivo nella parte occidentale dell’isola. Apparentemente l’equipaggio stava per caricare acqua antincendio dal mare quando l’elicottero si è schiantato per ragioni sconosciute. Il pilota è stato immediatamente soccorso e gli altri due passeggeri sono stati trovati morti poco dopo. Si dice che l’equipaggio sia un rumeno, due moldavi e un traduttore greco.

Incendio nella penisola turca di Datca

Gli incendi boschivi si stanno ripresentando anche in Turchia. Secondo il portavoce della provincia di Mugla in carica, diverse case sono state evacuate anche in caso di incendio nella penisola di Datca, meta di turisti. Gli incendi sono scoppiati anche nella provincia occidentale di Smirne, ha detto l’ufficio forestale incaricato.

Mercoledì, gli incendi boschivi hanno bruciato due villaggi sulla riviera di Krka vicino alla città dalmata di Sibenik. I residenti di Zaton e Raslina sono stati portati in salvo in barca attraverso la baia di Stubalj, ha detto Danijel Mileta, capo della protezione civile di Sibenik. La situazione è la peggiore degli ultimi dieci anni, ha aggiunto.

Più di 100 vigili del fuoco con 42 autopompe sono in azione, secondo il portale di notizie locale “sibenik.in”. Il panico dilagava nel villaggio di Zaton, diverse case hanno preso fuoco e un fumo impenetrabile ha riempito il posto, riferisce un giornalista dal portale. Pennacchi di fumo sono stati visti anche a Sibenik, a pochi chilometri di distanza.

I vigili del fuoco italiani nella provincia toscana di Massa Carrara, al confine con la Liguria, mercoledì hanno spento un incendio su una collina inaccessibile, hanno detto le autorità toscane. Anche i vigili del fuoco altoatesini sono stati impegnati mercoledì a combattere gli incendi a Bolzano. Nessun sollievo in vista: turisti e residenti dovrebbero aspettarsi un’altra grande estate per il fine settimana a venire.

“La temperatura aumenterà nei prossimi giorni e sarà anche l’inizio di una nuova ondata di caldo nel nostro Paese”, ha detto mercoledì il meteorologo Guido Guidi dell’Agenzia di stampa tedesca. All’inizio di venerdì, le temperature nelle pianure lungo il fiume Po nel nord Italia saliranno da 36 a 40 gradi Celsius. Tra gli altri sono stati colpiti anche la Toscana, il Lazio intorno alla capitale Roma, la Sicilia orientale e la Sardegna.

In contrasto con il caldo estremo nell’Europa meridionale, le temperature in alcune parti della Germania sono aumentate fino a metà estate, ma mercoledì sono state di 34 gradi relativamente confortevoli. Con l’eccezione delle zone costiere, ci si aspetta giornate estive da calde a calde con temperature da 25 a 31 gradi quasi ovunque.

Nel sud della Germania fino a 35 gradi

Anche le prospettive per i giorni a venire restano estive. Giovedì probabilmente il sole e le nuvole si sposteranno, ma DWD afferma che rimarrà per lo più asciutto e caldo. Con temperature comprese tra 22 e 28 gradi, il freddo è minimo, nel sud e nel sud-ovest può arrivare anche a 35 gradi. Non sono esclusi i temporali, soprattutto in montagna.

Alla luce delle segnalazioni di un’ondata di caldo con temperature intorno ai 40 gradi, DWD mette in guardia contro lo spavento. Almeno le previsioni meteorologiche per i prossimi sette giorni non danno alcuna indicazione del raggiungimento dei 40 gradi e che il precedente record di temperatura potrebbe tremare, ha detto un portavoce di DWD.

Nel frattempo, il ministro federale dell’ambiente Steffi Lemke ha sottolineato la necessità di una migliore preparazione per affrontare il caldo e la siccità in Germania. “Nel frattempo, a causa delle conseguenze della crisi climatica, in Germania sono arrivati ​​così tanti giorni molto caldi che ciò rappresenta una minaccia per la natura e per noi umani”, hanno affermato mercoledì i politici del Partito dei Verdi al Deutschlandfunk. Lemke vuole presentare la strategia nazionale per l’acqua entro la fine dell’anno.

Un esempio dal sud-ovest illustra quanto sia vasta la siccità in Germania: i livelli d’acqua bassi si verificano in molti specchi d’acqua di piccole e medie dimensioni nel Baden-Württemberg. Secondo l’Istituto statale per l’ambiente del Baden-Württemberg (LUBW), circa il 60% dell’indicatore nel sud-ovest è al di sotto del livello dell’acqua più basso in un anno medio. In alcuni luoghi, fiumi e alvei si sono addirittura prosciugati. Il motivo: da gennaio a giugno, nel Baden-Württemberg cade solo l’80 percento circa delle normali precipitazioni medie a lungo termine per questo periodo, come spiegato da LUBW. Inoltre, era più caldo della media.

© dpa-infocom, dpa:220713-99-01974/12

Basilio Montalto

"Appassionato di cibo. Appassionato di birra. Ninja di Internet. Praticante di musica. Appassionato guru di Twitter. Scrittore per tutta la vita. Baconaholic."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.