Attenzione… Banche tedesche e greche con la maggiore esposizione nel settore energetico in Europa

La quota del settore ad alta intensità energetica come percentuale del portafoglio totale della società o del totale dei prestiti è maggiore in paesi come Grecia, Italia e Paesi Bassi

I fondamentali delle banche europee sono sotto pressione dalla crisi energetica in corso, secondo la nuova analisi di ING sulle prospettive per il settore bancario europeo nel 2023.
Aumentano i rischi derivanti dall’esposizione diretta al settore energetico.
Inoltre, i settori ad alta intensità energetica potrebbero risentire dell’aumento dei prezzi dell’energia.
Pertanto, ING cerca di identificare le banche più colpite dalla crisi energetica.
Sulla base di una valutazione dei dati, ING ha indicato che le banche in Germania, Grecia, Italia e Paesi Bassi sono state colpite dalla crisi energetica attraverso prestiti alle imprese.
La maggiore esposizione assoluta al settore energetico è detenuta dalle banche francesi, ma le banche con la maggiore esposizione proporzionalmente al settore energetico includono le banche tedesche e greche.

Significativa esposizione al settore energetico

Le banche dell’UE avevano 322 miliardi di euro di prestiti in essere al settore energetico (settore NACE D: fornitura di elettricità, gas naturale, vapore e aria condizionata) nel secondo trimestre di quest’anno, con un aumento del 18% anno su anno (o 50 miliardi di euro ). ) secondo l’ABE.
Da allora, l’esposizione al settore energetico è in costante aumento.
L’aumento significativo è dovuto alla crisi energetica, poiché le banche hanno sostenuto le società energetiche e fornito loro linee di credito per soddisfare i loro requisiti di margine.

Francia, Germania e… Banca di Grecia

I prestiti al settore energetico hanno rappresentato il 5,2% del totale dei prestiti alle imprese ma solo l’1,6% del totale dei prestiti.
La maggiore esposizione al settore energetico è nelle banche francesi, ma dato il loro portafoglio complessivo elevato, la loro quota sul totale dei prestiti alle imprese è inferiore al 4,7% e inferiore all’1,5% dei loro prestiti totali.
Le banche con la maggiore esposizione proporzionalmente al settore energetico rispetto alla dimensione del portafoglio totale della società includono le banche tedesche (8,2%) e le banche greche (7,9%), dove la quota dei prestiti totali è anche la più alta tra i paesi. più grande paese dell’Unione Europea. .
È importante notare che i prestiti energetici non sono un gruppo di esposizione omogeneo.
Alcune di queste aziende beneficiano di prezzi dell’energia più elevati, mentre altre finiscono per aver bisogno dell’assistenza del governo o addirittura per cessare l’attività.

Aumento del 6% degli NPL “energia”

Nel secondo trimestre di quest’anno, i crediti deteriorati nel settore energetico sono aumentati del 6% su base annua.
Il rapporto dei crediti deteriorati (NPL) del settore è salito all’1,4% dall’1,3% del trimestre precedente.
Il livello era ancora molto basso, ma il rischio era aumentato.
Il settore energetico è stato oggetto di significative misure di sostegno del governo in diversi paesi.
È probabile che il massiccio pacchetto energetico varato dal governo tedesco sostenga indirettamente le banche limitando il rischio di credito del settore energetico per le singole banche.
La Grecia ha anche adottato una serie di misure per sostenere famiglie e imprese che devono far fronte all’aumento delle bollette energetiche.

Rapporto tra derivati ​​del settore energetico e banche

Le banche forniscono un’ampia gamma di servizi alle società energetiche, il che significa che i massicci aumenti e la volatilità dei prezzi dell’energia causati da interruzioni dell’approvvigionamento stanno colpendo il settore bancario.
Le società energetiche utilizzano i derivati ​​a fini di copertura.
La banca funge da collegamento tra l’azienda e il partner centrale (CCP), mentre alcune grandi aziende possono accedere alla CCP per proprio conto.
L’aumento dei prezzi dell’energia e la volatilità aumentano i requisiti di margine per i contratti derivati, costringendo queste società a fornire garanzie aggiuntive contro le posizioni.
A tal fine, le banche possono estendere linee di credito o fornire garanzie bancarie.
Le banche dell’UE detenevano 50 miliardi di euro in attività finanziarie detenute per la negoziazione di derivati ​​su merci nel primo trimestre di quest’anno, un importo che è più che raddoppiato su base annua.
Circa il 40% di questi sono legati all’energia.
Ulteriori aperture sono aumentate del 10% nel secondo trimestre del 2022, secondo le statistiche preliminari dell’EBA.
Il valore dell’esposizione segnalato alle controparti centrali delle materie prime per le 20 maggiori banche era di 129 miliardi di euro a giugno 2022, in aumento del 15% rispetto a fine anno sulla base dei dati EBA.
L’inaugurazione coinvolge Belgio, Germania, Danimarca, Spagna, Francia, Irlanda, Italia, Paesi Bassi e Svezia.
Le cifre sono in aumento soprattutto nei Paesi Bassi, in Belgio e in Germania.
L’importo iniziale delle grandi esposizioni regolato a giugno 2022 era di 88 miliardi di EUR (+88% da fine anno).
Questa esposizione include anche l’esposizione alle materie prime.

Prestito energetico

Oltre all’impatto diretto, la crisi energetica ha avuto anche un impatto indiretto sulle banche.
È probabile che le aziende che dipendono fortemente dall’energia nelle loro operazioni principali siano più colpite dalle interruzioni dei mercati energetici rispetto alle aziende che richiedono meno energia per le loro operazioni.
Si tratta di attività in settori quali l’estrazione mineraria e l’estrazione, i trasporti e lo stoccaggio, l’agricoltura, la silvicoltura e la pesca, l’approvvigionamento idrico e la produzione, tutti settori ad alta intensità energetica.
Se classificati in base all’uso della produzione di energia rispetto alla produzione totale, questi settori si collocano ai primi posti.
Le banche dell’UE sono molto aperte alle imprese che operano nei settori ad alta intensità energetica (escluso il settore energetico), con un’esposizione di 1,7 trilioni di euro. euro o il 27,9% del portafoglio prestiti totale della loro azienda nel 2° trimestre del 2022.
L’esposizione corrisponde a circa l’8% del finanziamento totale.
Le esposizioni assolute più elevate sono state riscontrate nelle banche francesi, italiane e spagnole.
La quota del settore ad alta intensità energetica come percentuale del portafoglio totale della società o del totale dei prestiti è più alta in paesi come Grecia, Italia e Paesi Bassi se si considerano i paesi più grandi, mentre la quota in Spagna si colloca al di sotto di essi a causa di una maggiore indebitamento totale.

Intensità energetica per settore NACE

I vari impatti della crisi energetica metteranno sotto pressione la qualità del credito bancario.
L’entità dell’impatto dipende da diversi fattori, tra cui la possibilità di un intervento del governo, la misura in cui la BCE inasprirà la politica monetaria e il rallentamento economico.
Secondo ING, le banche hanno generalmente una riserva di capitale molto solida.
Il grafico seguente mostra che tra le principali economie, le banche dei paesi nordici rimangono tra quelle con le riserve di capitale basate sul rischio più forti, mentre le banche dell’Europa meridionale hanno riserve di capitale basate sul rischio relativamente elevate.
2_Energy_intensity_by_NACE_sector_energy_as_a_share_of_total_output_1.png

3_Energy_intensive_lending_vs_total_corporate_lending_by_selected_countries_as_of_2Q22_1.png
L’indebitamento energetico in percentuale del patrimonio netto totale è più elevato in paesi come Grecia, Germania e Spagna, poiché le banche hanno un’esposizione relativamente maggiore e uno stock di capitale inferiore.
Le azioni forniscono alcune indicazioni generali su quali azioni di capitale delle banche sono maggiormente esposte alle variazioni della qualità creditizia derivanti da tali esposizioni.
4_Risk_modal_ratio_vs_energi_exposures.png

Conclusione

Secondo ING, il settore bancario europeo è ben posizionato per affrontare l’imminente impatto negativo della crisi energetica.
Tuttavia, l’impatto non si farà sentire in modo uniforme tra i settori a causa delle differenze nei portafogli di prestiti.
Pertanto ING raccomanda cautela nei confronti delle banche che hanno una quota elevata di prestiti nei settori ad alta intensità energetica.
Ha osservato che mentre i prestiti al settore energetico sono al centro dell’attuale crisi, le implicazioni per l’intero settore sono contrastanti.
Un sostanziale sostegno del governo riduce il rischio per le banche.
Ritiene che le banche in Germania, Grecia, Italia e Paesi Bassi siano state colpite dalla crisi energetica attraverso prestiti alle imprese.
La maggiore esposizione assoluta al settore energetico è detenuta dalle banche francesi, ma le banche con la maggiore esposizione proporzionalmente al settore energetico includono le banche tedesche e greche.
Gli effetti indiretti tendono a farsi sentire maggiormente dal settore delle imprese ad alta intensità energetica.

www.bankingnews.gr

Settimio Lombardi

"Esperto del cibo. Specialista della cultura pop. Fanatico della birra. Introverso. Incline agli attacchi di apatia. Appassionato del web certificato."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *