Atakares Karebe per la finale di Champions League – Commenti su … – Sportdog.gr – Notizie sportive | Notizia

Campione del mondo (Francia/1998) ed europeo (Francia/2000). Due volte vincitore della Champions League (Real Madrid/1998 e 2000), atleta modesto e celebrità, personalità distinta ma, soprattutto, orgoglioso ex residente della Nuova Caledonia.

Olympiacos: il direttore atletico dell’Olympiacos, Christian Karebe, tra i pochi – con tante condizioni del genere – con il “vincere” – dentro e fuori dal campo – il diritto all’opinione e all’analisi per la finale di Champions League di Parigi tra Liverpool e Real Madrid, parla con APE-MPE delle migliori partite di calcio club, un raduno speciale della capitale francese che “apparirà” sugli schermi di oltre 200 paesi del mondo.

Karebe, accetta di parlare -con piacere- con APE-MPE, ore dopo aver trasportato e piazzato il famoso trofeo UCL nella “fan zone” UEFA davanti al Municipio della capitale francese, in Piazza Otel de Ville, in uno spazio appositamente progettato.

Conoscendo il meno possibile l’atmosfera a Parigi nei giorni di gara, i dati finali del top event, da due volte vincitore, l’ultimo proprio allo “Stade de France” (3-0 Valencia il 24/5/2000 ), lo stadio che i francesi lo chiamano “Chiesa del calcio francese”, dove per primo (7/12/2021) … ha raggiunto la vetta del mondo con la Francia (3-0 Brasile) e ovviamente dichiarato per sempre “Madrid”, avendo trascorso gli anni migliori con il Real (1997) -2000) della sua carriera.


“Finali fieristici”


Francese – nato il 3 dicembre 1970, nell’isola di Lifos, in Nuova Caledonia, è il 5° di 18 figli della famiglia totale Paul e Udreni -, questa volta non si nasconde dietro il piacere -per molti – la neutralità, ha ripetuto il suo tifo per il Real Madrid, ma “decolla”… il cappello al Liverpool, ricorda la propria finale, ma anche il suo sogno per l’Olympiakos.

“E’ una finale davvero giusta. Real Madrid e Liverpool sono due squadre che meritavano di arrivare a ParigiLo hanno dimostrato all’inizio del girone e soprattutto dopo le fasi a eliminazione diretta. Ci hanno provato molto, hanno lavorato tanto e così in finale due squadre con qualità e storia diverse. “Sarà una partita incredibile”, ha detto Christian Karebe ad APE-MPE.

“La magia è nel potere del calcio”
In precedenza, rispondendo alle domande dei giornalisti durante la presentazione del trofeo della Champions League davanti al municipio della capitale francese, il direttore sportivo dell’Olympiacos ha affermato che nel calcio non ci sono miracoli, “ma ci sono sempre sorprese”.

“La magia del calcio sta nella sua forza. È un fatto imprevedibile. Non possiamo sapere il risultato, indipendentemente da chi sia l’avversario, prima che siano trascorsi 90 o 120 minuti. Gli esempi sono tanti. questo fa parte del calcio”, ha aggiunto. , parlando con APE-MPE veterano della nazionale con la nazionale francese (53 partite e 1 gol), anche se rifiuta sempre di cantare “Massaliotida” (“Mi sento della Nuova Caledonia e non della Francia e non capisco perché l’arcipelago non sia un paese indipendente” ha detto ), celebrando, oltre a Mondiali ed EURO, la Confederations Cup 2001.

“Un finalista vuole passione, passione ed entusiasmo” ha detto il direttore atletico Olympiakos che ha vinto trofei con il Real Madrid, nella stagione 1997/98 ad Amsterdam contro la Juventus (1-0) e nella stagione 1999/2000 contro il Valencia (3-0) allo “Stade de France” di Parigi .

Nei primi anni di carriera con il Nantes vinse un campionato impressionante e inaspettato (1995). Poi si “trasferisce” alla Samp (dal 1995 al 1997), dal Nord Italia si ritrova al Real Madrid (1997-2000), seguito (2000) dal Middlesbrough e poi (2001) dall’Olympiakos, con cui vince due campionati (2002 ), e 2003). Da lì è passato al Servet (2004) e ha concluso la sua carriera da giocatore con il Bastia nel 2006.

“La finale è una partita diversa, soprattutto”, ha detto quando gli è stato chiesto di ricordare le sue due finali.
“Non giochi la finale, la vinci.
Non so dire se è ad Amsterdam o se è a Parigi. “Ognuno di loro è speciale per me”, ha sottolineato, senza lasciare spazio a dubbi.


L’avversario preferito del Real Madrid è il Liverpool di Jürgen Klopp, una squadra che persino il sito web della UEFA definisce “la migliore squadra del mondo ai suoi tempi”.

“Il Liverpool ha dimostrato cosa può fare. Con Klopp ha vinto il campionato in Inghilterra, che ha perso di un punto nella finale di quest’anno, ha vinto la Champions League. battere il Tottenham, ma soprattutto una squadra con un piano vincente. “E questo è il più importante, perché mostra che questo non è qualcosa che va e viene, ma qualcosa che continua”, ha detto ad APE-MPE. Karebe, che nel settembre 1998 ha ricevuto la medaglia di “Legione d’Onore” dall’allora Presidente della Francia, Jacques Chirac, pubblicando la sua autobiografia “Kanak”.

Non nasconde di voler celebrare la vittoria dei trofei con il Real Madrid, non lo ha fatto quando il Real Madrid ha affrontato il Paris Saint-Germain nella top 16 dell’organizzazione, ma ammette che in finale non hanno eguagliato il predizioni.

“Il Liverpool ha vinto una volta in finale (ss: 1980-81 / 1-0), un altro Real Madrid (ss: 2017-18 / 3-1), sono due squadre che inseguiranno la vittoria fino alla fine. Un gioco che non corrisponde ai pronostici, che rimarrà in vigore fino a quando la palla non rotola in campo per la prima volta. Non vedo l’ora di vedere la finale del sogno, la finale della galassia. “Vengo da Madrid, seguirò sempre il Real Madrid e gli auguro di vincere questa finale”, ha detto Karebe ad APE-MPE. che è stato il miglior calciatore in Oceania nel 1995 e nel 1998, secondo la Federazione internazionale di storia e statistica del calcio (IFFHS).

L’Olympiacos non poteva… perdere le conversazioni ei pensieri di Christian Karebe, perché, ogni volta che gli veniva proposta una mossa dai grandi media europei, ripeteva la sua voglia di vedere i “biancorossi” nella finale europea.
Sta facendo lo stesso ora, completando le nostre comunicazioni dalla capitale francese, la città della luce, dell’amore e della finale dell’UCL.

“Il mio sogno”, ha detto, “è vedere l’Olympiakos nella finale europea. Ma abbiamo visto e possiamo capire quanto possa essere difficile una cosa del genere, con la concorrenza in crescita. Per questo bisogna lavorare sodo, provare sempre senza arrendersi, senza rimanere delusi, rialzarsi quando cadiamo, per essere su questa strada”.


E come diceva Oscar Wilde, “Mira e segna la luna. “Anche se fallisci, atterrerai tra le stelle.” Anche se il poeta e drammaturgo irlandese non aveva in mente in quel momento, le stelle della Champions League…

Segui sportdog.gr su Google News e sii il primo a sapere tutto Notizie sportive

Vedi tutto Notizie sportive dalla Grecia e dal mondo, su sportdog.gr

COMMENTA QUELLO

Benigna Rosiello

"Fanatico dei viaggi. Creatore. Pioniere di Bacon. Malvagio piantagrane. Specialista di zombi. Impenitente esperto di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.