Arriva dal Nord Italia la nuova superpotenza del basket europeo (video)

Il basket italiano era il migliore in Europa decenni fa. La Virtus Bologna è da anni ai vertici sia in frontiera che in Europa con vittorie in Europa League e tante partecipazioni alle Final Four.

La grandezza è seguita da tempi ansiosi, ma il futuro è previsto con ottimismo con il materiale a portata di mano, ma anche con le aspirazioni.

Elenca dallo scaffale più alto

La squadra del Nord Italia poteva giocare in Coppa dei Campioni e non in Europa League, ma questo non gli ha impedito di infilarsi le mani in tasca in estate e di iniziare subito a costruire per le stagioni successive.

Vecchi sfarzi e maglie pesanti ancora vagano per la città e gli stadi e tutti vogliono fare di tutto per rilanciare il successo che è stato negli anni sinonimo del club.

Teodosic è arrivato la scorsa stagione, non un “lupo mannaro”, ma pochi con la sua mente, la sua forma e la sua capacità di passaggio.

Dopo aver tentato di conquistare il primo posto d’Europa in Russia con il CSKA Mosca, ha voluto provare qualcosa di diverso. Un portiere del genere vuole accanto a sé un buon marcatore e ce l’ha.

Bellinelli ha lasciato la NBA dopo 15 anni ed è tornato a casa. Non c’è molto da dire su un giocatore che per tanti anni ha combattuto da solo con i Galinari in Nazionale e ha vinto anelli dall’altra parte dell’Atlantico, così come la gara da tre punti.

Mani calde che non impiegano molto a iniziare a posare continuamente. Quando la tripla non esce, farà il suo tiro e penetrazione preferiti dalla media distanza. Può gestire, può fare tutto.

Manion ha anche lasciato la NBA in modo molto diverso, ovviamente, poco dopo aver iniziato a giocare. A soli 21 anni è un puro marcatore. Guarda principalmente il canestro e questo incide sulla difesa, ma non ha paura di nessuno. Avrebbe sparato da qualsiasi luogo e sopportato qualsiasi avversario che trovasse di fronte a lui.

Anche l’effetto sul retro del parquet è una questione di volontà, quindi ha tempo per migliorare.

Udo fa pieno uso del suo corpo, delle sue membra e della propria esperienza. Qualsiasi giocatore che abbia incrociato le mani di Obradovic non può non evolversi.

Legge le fasi, ha un buon tempismo sui muri, buon posizionamento e movimento senza palla, sa giocare di schiena, sa spingere. Sa gestire la forza sia durante la stagione in generale, sia in ogni partita individualmente.

Aiuto attraverso l’Ucraina

Circa due settimane fa, la Russia ha invaso l’Ucraina e ha iniziato una guerra nella regione. I giocatori hanno iniziato a lasciare la squadra russa, prima di lasciare definitivamente l’Eurolega a tempo indeterminato.

Daniel Hackett ha risolto il suo contratto con il CSKA e venne alla Virtus. Un portiere con tanti chilometri di basket, un buon difensore e un multiutensile. Ha un fisico con cui giocare di sicuro in “1” e “2”, il che lascia molte opzioni per combinazioni interessanti con altre periferiche.

Ma potrebbe non essere l’unico della squadra “dell’esercito” che sarà a Bologna, con informazioni per parlare di un affare con Tornike Sengelia. i cui dettagli rimangono.

Arriva con il tiro, il gioco sul palo, i buoni passaggi, stonato totalmente in difesa e ognuno “multitasking” come i suoi compagni di squadra.

Tutto quanto sopra probabilmente otterrà un’altra stella accanto a loro in estate, creando un piacevole “mal di testa” per il loro allenatore.

Tempo Scariolo

La Virtus è stata legata a Ettore Messina e al dominio europeo, ma Sergio Scariolo è pronto a cimentarsi nel successo come lui.

Con il suo incarico all’Armani, una buona presenza come assistente dei Raptors e ovviamente nella nazionale spagnola non è cosa di ieri. Certo, molti dicono che ci sono allenatori di nazionali e di club. Se la cava molto bene nella gestione di “I” e riesce con la sua esperienza a stare insieme.

Il fatto che quest’anno abbia un asterisco con ciò che verrà in Eurolega e la partecipazione quest’anno sembra certo, a prescindere da ciò che accadrà all’Eurocup in combinazione con le addizioni e sottrazioni avvenute in estate, gli dà flessibilità ma anche il diritto di sognare il top.

Con una sete di differenza, un nome pesante come la storia ma anche denaro in arrivo, il futuro della Virtus Bologna è prefigurato brillantemente, con… il gigante addormentato che si sveglia per lasciare di nuovo il segno nel basket europeo.

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.