Allarme su EODY per tre casi sospetti nei bambini

Tre casi di bambini con epatite acuta che soddisfacevano i criteri per i “casi probabili”, secondo la definizione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, EODY ha annunciato che si trovavano nel nostro Paese.

Entrambi, di età compresa tra 14 mesi e 10 anni, hanno mostrato sintomi gastrointestinali (dolore addominale e vomito) e febbre e test di laboratorio hanno mostrato enzimi epatici elevati (transaminasi > 500 UI/ml).

Un altro bambino di 18 mesi era asintomatico e le sue transaminasi risultavano essere >500 UI/ml elevate nei test di laboratorio preventivi. I test per l’epatite virale AE sono risultati negativi in ​​tutti i bambini. Nessun virus EBV, CMV, adenovirus o SARS-CoV-2 è stato rilevato nel resto dei test di laboratorio. Uno non è stato ricoverato ed entrambi hanno richiesto diversi giorni di ricovero. I bambini non hanno mostrato complicazioni, non hanno ricevuto cure particolari ed erano in ottime condizioni generali.

Secondo EODY, i medici sono attenti a questa situazione emergente, sono stati allertati e attenti alla tempestiva individuazione di bambini fino a 16 anni che mostrano segni e sintomi di epatite, senza una ragione apparente e in tali casi. e inviarlo al foglio del case report EODY.

EODY segue da vicino l’evolversi della situazione, in comunicazione sistematica con l’Istituto Europeo di Sanità Pubblica, il Centro Europeo per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie (ECDC) e l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e ha notificato tutte le Aree Sanitarie del Paese. . , l’Associazione dei medici panellenici, nonché la Società scientifica, i cui membri potrebbero dover affrontare incidenti simili. Le istruzioni per il prelievo e l’invio dei campioni sono state inviate anche al Laboratorio Centrale di Sanità Pubblica, in modo che possano essere immediatamente attuati i controlli necessari per identificare la causa dell’epidemia.

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.