Alfa Romeo Giulia Sprint 200 PS AT8 prova

L’Alfa Romeo qualche mese fa ha annunciato… un parziale upgrade della gamma Giulia, soprattutto in termini tecnologici, migliorando i materiali utilizzati per l’abitacolo, aggiungendo nuove dotazioni e diversi upgrade dall’aerodinamica della vettura al motore. Quindi questo aggiornamento è l’occasione ideale per provare una nuova versione della Giulia chiamata Sprint. Il nome “Sprint” è chiaramente riconosciuto dai fan del marchio e non solo, poiché ha abbellito molte delle creazioni del marchio per mezzo secolo. Ora, nella moderna gamma di marchi, il nome “Sprint” viene utilizzato nelle versioni dei modelli di attrezzature sportive.

Con un cambio di sostanza
Con una lunghezza di 4.643 mm, una larghezza di 1.860 mm. e un’altezza di 1.411 mm. La Giulia è una berlina di dimensioni rispettabili che nasconde in modo intricato il suo volume grazie al lavoro svolto dagli italiani nella sua progettazione. La Giulia era in produzione da circa cinque anni ormai, eppure sembrava che non fosse passato un giorno da allora con gli italiani che eseguivano ancora una volta la loro magia. Infatti in quest’ultimo aggiornamento non hanno apportato modifiche alla linea Giulia e probabilmente se la sono cavata bene perché la berlina italiana non ne aveva bisogno. In contrasto con lo tsabouka, il “muscolo” e gli spigoli che di solito caratterizzano le proposte per la categoria delle berline sportive, la Giulia sfoggia le sue curve atletiche, sottolineando… le linee piuttosto che il volume. Grazie alle sue proporzioni prodigiose, riesce a distinguersi come una mosca nell’unguento, ovunque lo si trovi. In effetti, ora dovrebbe mostrare un’aerodinamica migliorata con una copertura ridisegnata sul pavimento dell’auto. Questa versione, infatti, dispone, tra l’altro, di cerchi in lega da 18 pollici appositamente studiati per l’evento, pinze dei freni nere e terminali di scarico scuri.

Aggiornamenti tecnologici e di qualità
L’immagine di “sport” ed eleganza è mantenuta negli interni aggiornati. I nuovi materiali utilizzati dall’Alfa Romeo alzano ulteriormente l’asticella nell’area della qualità. Il volante è stato ridisegnato per incorporare nuovi pulsanti per controllare il sistema di guida automatica di livello due, con il cruscotto generalmente lo stesso. La novità è il selettore del cambio automatico, che è sostanzialmente i colori della bandiera italiana. Novità è il sistema multimediale che dispone anche di un nuovo touch screen (convenzionale del precedente) con diagonale di 8,8 pollici. Questo nuovo sistema consente una personalizzazione estesa in un modo facile da digerire di presentare le informazioni, con funzioni e sistemi dell’auto presentati sotto forma di “app” come di solito vediamo sugli smartphone. È ora disponibile il servizio Alfa Connect Italia, che aumenta le possibilità di connettività, mentre ora il sistema accetta anche i comandi da remoto, condividendo i dati wifi integrati con un massimo di 8 dispositivi contemporaneamente. Più dettagli e in modo diverso sono presentati anche in uno schermo da sette pollici situato sul pannello delle informazioni del conducente.

Allo stesso tempo, nei sistemi di sicurezza e assistenza alla guida che ora consentono la guida automatica di livello 2, i sistemi di protezione della corsia, i sistemi di assistenza agli angoli ciechi attivi, il cruise control attivo sono integrati nella dotazione standard. Quest’ultimo funziona anche con il sistema di riconoscimento targa per regolare automaticamente la velocità della Giulia in base alla marcatura. Il loro servizio è offerto anche dal sistema Traffic Jam e Highway Assist che mantiene la berlina italiana in mezzo alla carreggiata sia per le strade cittadine a bassa velocità che in autostrada.

In termini di usabilità, quelli sui sedili anteriori ora godono di più spazio di stivaggio sulla console centrale. Sotto il bracciolo troverai spazio per riporre il telefono e la ricarica wireless se compatibile con questa tecnologia. Il bracciolo ha anche una porta di “Tipo C” e un jack di ingresso, mentre, come prima, guidatore e passeggero anteriore possono controllare facilmente e rapidamente il sistema presentato dal touchscreen tramite l’ampio comando piezoelettrico situato dietro la nuova scatola del selettore automatico. Per il guidatore, il clou è sicuramente la grande paletta in alluminio al volante per le modifiche manuali al cambio, ma anche i vantaggi in termini di maneggevolezza e comfort del sedile sportivo che lo trattengono con determinazione anche quando le cose “si fanno difficili”. Nei sedili posteriori saranno più comode due persone di stazza normale, mentre a 480 litri, il bagagliaio soddisferà le loro esigenze di trasporto bagagli.

2 litri con turbo e 200 CV
Il due litri turbo della Sprint eroga 200 cavalli e 330 Nm di coppia a 5.000 e 1.750 giri/min. ogni. Secondo la parte italiana, lo 0-100 km/h si raggiunge in 6,6 secondi e la velocità finale raggiunge i 230 km/h. Il motore funziona con cambio automatico ZF a 8 rapporti, con paddles in metallo sul piantone dello sterzo (fisso). Naturalmente, le caratteristiche di funzionamento e il modo in cui funziona con il motore sono strettamente correlate al selettore rotativo DNA Alpha (Dynamic, Natural, Advanced Efficiency). La trazione raggiunge le ruote posteriori, con il sistema di controllo della stabilità non disabilitato e allo stesso tempo non consentendo il sovrasterzo. Nelle modifiche ora, il motore dovrebbe mostrare il nuovo sistema di gestione delle valvole Multiair e cioè l’Euro 6D. In termini di prestazioni ambientali, Alfa Romeo ha annunciato emissioni di CO2 a 160 g/km. (bollo 112 euro) e consumo medio di 7,2 litri/100 km secondo WLTP. In pratica abbiamo visto un consumo medio di 9,0 litri/100 km (si può ridurre però se lo cercate, perché devo ammettere che la Giulia è una spazzina e il mio piede destro solletica molto).

festa di guida
Alcune auto oggi, nell’aspetto moderno delle automobili, sono quelle che ti “immergono” nel loro mondo in modo tale che o vuoi guidarle ovunque o, anche se non le guidi, almeno diventi capace per vederli da più lati. Giulia rientra in questa categoria e questo vale per tutte le sue versioni. Anche il test non è stato dei più forti. Indubbiamente, questa vettura appartiene a un’élite a sé stante. Questa berlina sportiva, che penso tornerà più nitida in futuro, sta sostituendo i SUV nelle vendite. Ciò che spicca di più è la sensazione del sistema di sterzo diretto, ma anche il modo in cui la ruota anteriore aderisce all’asfalto mentre ti dice quanto puoi spingere. I margini di trazione sono davvero su un altro livello, mentre i freni offrono una buona sensazione e potenza che domano le prestazioni del motore senza drammi.

La Giulia in versione Sprint è la berlina che vuoi nel tuo garage. È bellissima, non la vedi sempre per strada e guidarla ti lascia completamente soddisfatto e lontano da ripensamenti (non dimenticare che i modelli tedeschi giocano duro nella categoria e per qualche dilemma di acquisto). La dotazione è chiaramente ricca in termini di comfort e sicurezza, mentre costa 47.000 euro (la versione base della Super costa 45.000 euro).

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.