Share Button

Finalmente si è arrivati ad un accordo tra i cosiddetti “5+1” e l’Iran relativamente alla questione del nucleare e proprio rispetto alle sanzioni adottate dall’unione Europea ho presentato un’interrogazione al Ministro Bonino.
L’Italia e l’Iran sono da sempre grandi interlocutori sia dal punto di vista culturale-diplomatico che commerciale ed il nostro storico e solido interscambio ci ha permesso, nel tempo, di poter usufruire di una corsia preferenziale tra i paesi dell’Unione. Le nostre reciproche quote di import-export sono però bruscamente calate dopo le sanzioni europee del 2012, proprio per questo motivo ho ritenuto imprescindibile chiedere quali azioni verranno poste in essere per tutelare i nostri imprenditori in Iran e comprendere quali siano le linee guida del Governo per accompagnare questo delicato passaggio politico che dovrà, da un lato, garantire il rispetto delle decisioni prese in sede europea senza però compromettere, al contempo, una posizione tanto vantaggiosa per il nostro mercato, poiché la nostra partnership storica con l’Iran é un tesoro che non possiamo permetterci di compromettere.